Staff

Testo di prova

Il nostro staff

Lo staff di Arte.Na è composto da personale qualificato e professionale: gli operatori sono tutti laureati in discipline storiche, artisiche, naturalistiche, hanno seguito master e corsi di formazione post-universitari, ma soprattutto vantano anni di esperienza nei loro settori: il turismo culturale, la valorizzazione dei beni culturali, la didattica museale, l'educazione scientifica, l'educazione all'arte, l'archeologia sperimentale.

Staff Ferrara

Alessandra Muroni - Settore storico archeologico

La passione per la storia e l’archeologia, mi hanno portato a laurearmi in Storia indirizzo antico, alla Facoltà di Lettere e Filosofia  dell’Università degli studi di Bologna con una tesi in paletnologia, la scienza che studia la cultura delle civiltà umane preistoriche e protostoriche attraverso l’analisi dei reperti materiali.  Ho partecipato a scavi di siti preistorici e conseguito una seconda laurea in Tecnologie per i beni culturali, alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università di Ferrara espandendo le mie conoscenze anche al settore scientifico, approfondendo materie quali la geologia, la botanica, la chimica, la paleontologia e l'antropologia fisica e culturale. Ho concluso il mio corso di studi con un Master in “Esperto in didattica museale” presso l’Università di Ferrara, il quale mi ha consentito di avvicinarmi a nuovi settori quali il Rinascimento e la didattica dell'arte. Da molti anni mi occupo di didattica museale svolgendo laboratori presso i Musei Civici di San Domenico di Imola e presso i Musei Civici d’Arte Antica di Ferrara e l’aspetto che più mi piace del mio lavoro è quello di poter trasmettere ai bambini ed ai ragazzi l’amore e il rispetto per la natura, per l’arte e per gli antichi reperti.

Daniela Morgagni - Settore storico-archeologico

Ho frequentato il liceo classico G. B. Morgagni a Forlì, mi sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali, indirizzo Archeologico presso l’Ateneo di Bologna, sede di Ravenna. Ho frequentato vari corsi: uno presso il MIC (Museo Internazionale della Ceramica di Faenza) da sempre legato alla filosofia della didattica di Bruno Munari, uno promosso dalla Regione Emilia-Romagna nel quale ho conseguito la qualifica professionale di Promoter dell'offerta turistica culturale ed ambientale ed un corso di Perfezionamento post-laurea presso l’Università degli Studi di Ferrara su Teorie e tecniche di integrazione scolastica per alunni con diversabilità. Dal 2000 lavoro con varie associazioni e cooperative sempre nell’ambito della didattica museale. Questa è la dimensione che mi appassiona: il contatto con i bambini. La loro creatività e fantasia mi rigenera, la loro curiosità mi guida, il loro sorriso mi gratifica. A volte vorrei avere l’orecchio acerbo di cui scrisse Gianni Rodari.

Angela Ghinato - Laureata in Materie Letterarie - Ricercatore storico

Il tema della tesi di laurea – risalente al lontano 1984 e premiata l’anno seguente da “Soroptimist International” – ha segnato la mia dimensione di ricercatore storico-artistico: Storia dell’arazzeria estense. Organizzazione e fabbricazione di due “paramenti” di seta (1457) commissionati da Borso d’Este. Relatore era la prof. Francesca Bocchi, con la quale ho successivamente collaborato a diversi progetti, in sostanza quasi tutti nell’orbita di quell’età d’oro che è stato il Rinascimento estense. Ho scritto e pubblicato molto sull’argomento, strettamente collegato alla storia della mia città, Ferrara, che amo e di cui conosco quasi ogni vecchia pietra. Così è partita la mia carriera di ricercatore free-lance, tuttora in corso. Ho insegnato nella scuola e all’Università, mi occupo di archivi e di editoria, ma la “svolta” verso la didattica museale ha preso avvio sia dalla lunga collaborazione con i Musei Civici di Arte Antica di Ferrara, insegnando, tra l’altro, in diversi corsi di formazione – tra i quali uno sulla didattica museale (1998) di cui ero anche tutor –, sia dalle domande curiose di mio figlio (5 anni, all’epoca) ogni volta che doveva (ma lo faceva volentieri) seguirmi in qualche museo o in qualche sito storico. Questi due momenti hanno segnato la mia dimensione di operatore didattico, che mi ha portato, in quindici anni di attività, ad incontrare centinaia di bambini e giovani ai quali spero di avere trasmesso anche solo un po’ delle mie conoscenze e del mio amore per la storia, per l’arte, per la letteratura, per la memoria.

Sono orgogliosa che uno di quei bambini abbia seguito le mie tracce: mio figlio, ora ventenne, studente universitario di materie umanistiche che visita ancora con entusiasmo un museo... e di questi tempi è come aver messo un canestro da tre punti.

Rossella Ibba

Sono nata nella primavera del 1989 sulle coste della Sardegna.
Il territorio che mi ha ospitata fino ai diciannove anni mi ha formata e affascinata, ho avuto modo di vivere i riflessi della sua storia millenaria e innamorarmi delle rovine delle antiche civiltà che si sono succedute nei secoli. Lasciata Cagliari dopo aver conseguito la maturità classica, ho iniziato un viaggio che mi ha portata in Spagna, e successivamente in Belgio, dove ho frequentato un biennio di Storia dell’Arte e Archeologia presso l’ ULB, Université Libre de Bruxelles .
Il 2012 è stato l’anno del rientro in Italia e del trasferimento a Ferrara.
Sfruttando le mie conoscenze linguistiche, ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Lingue e letterature moderne  e classiche dove ho svolto un percorso di studi a cavallo tra l’antico e il contemporaneo optando per una tesi in archeologia classica sull’ evoluzione storica e culturale dell’antico sito fenicio-punico-romano di Nora, Sardegna.  Conseguita la laurea nel 2016, mi sono spostata a Parigi ove ho ulteriormente affinato le mie competenze linguistiche lavorando in un’azienda internazionale e sfruttando tutto il tempo libero per coltivare le mie passioni: la lettura e i viaggi. I miei continui spostamenti mi hanno permesso di conoscere nuove realtà, confrontarmi con culture diverse e visitare luoghi d’incommensurabile valore storico e culturale. Attualmente frequento un Master in Didattica, educazione e mediazione nei musei e nel patrimonio culturale presso l’Ateneo di Ferrara e vivo nell’ antico ghetto ebraico della città sul quale, da qualche mese, conduco personali ricerche.

Federica Arlotti - Educatrice museale - Settore storico artistico

Sono nata a Ferrara il 22 Ottobre 1977, da una famiglia di ragionieri. Inizialmente ho intrapreso anch’io la strada dei numeri fino ad arrivare al Diploma di Ragioneria, ma la vena artistica dello zio (anche lui ragioniere di mestiere) ha preso il sopravvento e mi ha portato ad iscrivermi al DAMS di Bologna. Mi sono laureata nel 2003, con la tesi dal titolo “Istituzioni artistiche a Ferrara – Identità e strutture”, che mi ha portato a conoscere bene la realtà della mia città. Mi piace molto interagire con i bambini, mi trasmettono tanta curiosità, voglia di conoscenza e gioia di vivere, e così ho pensato di unire ciò all’amore per l’arte conseguendo nel 2004 il Perfezionamento in Didattica Museale, presso l’Università degli Studi di Ferrara.

Amo la bicicletta, viaggiare, il basket (sono Istruttore Minibasket e Ufficiale di Campo), la danza, la MotoGp e tutto ciò che è bello…come Alessandro…il mio piccolo amore.

Francesca Tebaldi

Staff Imola

Laura Berti Ceroni - Educatrice museale - Settore storico archivistico

Sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali con una tesi di urbanistica medievale e dal 1999 ho svolto visite guidate e laboratori didattici alla Rocca Sforzesca di Imola, al Museo Scarabelli e a Palazzo Tozzoni per conto di Arte.na. L'anno di Erasmus svolto a Poitiers mi ha permesso di occuparmi anche delle visite di gruppi francofoni, con i quali mi piace soffermarmi a chiacchierare per approfittare della loro presenza e tenermi allenata con la loro bella lingua.

Nel frattempo ho conseguito il diploma da Archivistaall’archivio di Stato di Bologna e completato un dottorato in Storia e informatica e un post- dottorato, facendo della professione di archivista la mia attività principale, sempre con uno sguardo privilegiato alla didattica, divulgazione e fruizione degli archivi.

Mi piace molto l’attività che continuo a svolgere per Arte.na, oggi principalmente a palazzo Tozzoni, del quale ho riordinato e inventariato l’archivio storico, perché raccontare le scoperte del proprio lavoro e vedere gli sguardi attenti e curiosi di grandi e piccini è la soddisfazione più grande che si possa avere.

Maria Iuliano -Consulente didattica, educatrice museale dal 2006 - Settore storico-antropologico

Sono nata sulle pendici del Vesuvio. Ho conseguito la maturità classica e il diploma di abilitazione all'insegnamento di grado preparatorio; contemporaneamente al tirocinio nella scuola dell'infanzia ho iniziato il mio percorso di studi universitari, laureandomi con lode in Sociologia, indirizzo demoetnoantropologico, all'Università degli studi di Napoli “Federico II”, con una tesi sulla museografia demoetnoantropologica in Italia dalle origini ai nostri giorni. Nel frattempo mi sono trasferita a Imola (Bo) e successivamente nei dintorni, in campagna, in una casa con orto e giardino, dove vivo tuttora, con un compagno, una figlia e molti gatti. Subito dopo la laurea ho conseguito il Master di II livello in Mediazione e didattica museale presso l'Università degli studi Roma Tre. Lavoro come consulente ed educatrice museale; conduco laboratori per le scuole e per i privati, su tematiche socio-antropologiche: la storia delle tradizioni popolari, gli usi e i costumi, la narrativa popolare, l'intercultura, sono al centro dei miei interessi di studio; l'antropologia rappresenta allo stesso tempo il punto di vista e l'oggetto dei laboratori che propongo. L'approccio delle mie attività è sempre ludico-didattico, scientificamente fondato e non prescinde mai dagli aspetti creativi e manuali. Dal 2007 sono insegnante di scuola dell'infanzia: il mondo dei bambini mi affascina e mi stupisce ogni giorno. Oltre alla formazione continua come insegnante, ho seguito corsi di dizione, recitazione, lettura animata, clownerie, improvvisazione teatrale, canto corale. Ho seguito il corso di livello base per la lavorazione dell'argilla presso il MIC di Faenza, “Giocare con l'arte” ispirato alla metodologia di didattica dell'arte di Bruno Munari. Le tecniche grafico-pittoriche che pratico, sia nel lavoro che nel tempo libero, le ho apprese da autodidatta. Amo l'arte, i musei, la musica, il teatro; mi piace cucire, cucinare, cantare e costruire cose belle. 

Silvia Ruggeri - Educatrice all'Arte dal 2004 - Settore artistico

Vivo a Bologna, ma sono emigrata dal nord Italia. Ho studiato al DAMS e scoperto che l’arte e il gioco sono le mie passioni, perciò la tesi di Laurea non poteva essere altro che IL GIOCO DELL’ARTE INTERATTIVA. Ho poi proseguito gli studi perfezionandomi nella didattica museale e abilitandomi all’insegnamento della Storia dell’Arte. Dal 2004 ho collaborato con i settori educativi di numerosi musei, tra cui santa Giulia e la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, la Galleria Estense di Modena, la Pinacoteca Nazionale di Bologna. La mia attività si svolge prevalentemente a contatto con i ragazzi, accompagnandoli alla scoperta dei musei tramite percorsi tematici e laboratori artistici. Attualmente per Arte.Na mi occupo del settore artistico presso i Musei Civici di Imola, dei laboratori creativi di Casa Piani e della diffusione della cultura artistica sul territorio emiliano-romagnolo, predisponendo percorsi di conoscenza estetica.